Gerry Scotti: «Al liceo mi discriminavano perché ero figlio di un operaio»

FUNWEEK.IT - In occasione del ritorno in tv di uno dei game show più apprezzati di sempre come Chi vuol essere milionario, Gerry Scotti ha rilasciato una toccante intervista al settimanale di Alfonso Signorini in cui è tornato indietro con la mente fino agli anni di liceo. Difficile immaginare che dietro il sorriso rassicurante di zio Gerry si nasconda un adolescente cresciuto a suon di pregiudizi e discriminazioni, ma purtroppo è la realtà: «Al liceo i professori mi discriminavano perché mio padre faceva l’operaio. Ma questo mi ha aiutato a diventare quello che sono».