Napoli, ecco il camper dell’Avis a Fuorigrotta

Da questa mattina tutti coloro che vorranno donare sangue potranno recarsi negli orari di apertura dello spazio fieristico di Fuorigrotta e raggiungere l’unità raccolta predisposta dall’Avis. La prima a donare una sacca di sangue è stata la consigliere delegata di Mostra Valeria De Sieno.

I donatori faranno bene non soltanto agli altri, ma anche a loro stessi, difatti il sangue donato verrà approfonditamente analizzato per individuare possibili malattie che possono essere trasmesse al ricevente. I virus dell’epatite, B, C e HIV, la sifilide, lo stato funzionale del fegato, del rene, del metabolismo in generale, colesterolo ed i trigliceridi, fanno parte del pattern di esami effettuati sul sangue del donatore. A giudizio del medico, possono essere effettuati tutti gli esami del sangue, ad esempio il PSA per gli uomini adulti o gli esami tiroidei. I risultati saranno spediti per posta al domicilio del donatore o per email. Con la visita e gli esami del sangue, la salute del donatore è periodicamente monitorati.