Silvio Berlusconi assolto dalla corte di appello di Milano sul caso Ruby

Silvio Berlusconi è stato assolto nell’ambito del processo sul caso Ruby. La corte di Appello di Milano ha pronunciato la sentenza di assoluzione dell'ex premier, che era accusato di concussione e prostituzione minorile. Per quanto concerne la concussione, hanno spiegato i giudici, il fatto non sussiste e per l’accusa di prostituzione minorile "il fatto non costituisce reato". Il collegio presieduto da Enrico Tranfa ha quindi emesso una sentenza che va nel senso opposto rispetto alla condanna a 7 anni e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici inflitta all'ex premier nel processo di primo grado dal collegio presieduto da Giulia Turri il 24 giugno 2013. Le motivazioni sono attese entro 90 giorni. La sentenza di assoluzione di Silvio Berlusconi per il caso Ruby è una decisione "che va oltre le mie rosee previsioni", ha commentato il professor Franco Coppi, difensore di Silvio Berlusconi con Filippo Dinacci. "Siamo molto soddisfatti - ha aggiunto - è chiaro che ci speravamo, avevamo degli argomenti forti e la Corte d'Appello ha riconosciuto la fondatezza delle impugnazioni".