Messico: «I tre italiani venduti a una banda di criminali»

Svolta nelle indagini per la scomparsa di Vincenzo Cimmino, Raffaele e Antonio Russo nello stato di Jalisco, nel Messico occidentale. Dei tre non si hanno notizie da fine gennaio. Quattro poliziotti - 3 uomini e una donna - sono stati arrestati con l'accusa di aver "venduto gli italiani a una banda di criminali". I quattro agenti che fanno parte del comando di Tecalitlán, ora rischiano una condanna tra 40 e 60 anni di carcere. Le autorità messicane hanno però assicurato che le ricerche dei tre italiani continuano.