A sorpresa la Bce riavvia l'acquisto dei titoli di Stato

Mario Draghi conferma la sua politica accomodante in difesa dell'economia dell'Eurozona: a sorpresa, in anticipo sulle previsioni, il presidente della Bce ha annunciato il riavvio degli acquisti di titoli di stato. Il Quantitative easing partirà da novembre al ritmo di 20 miliardi al mese e «durererà finché sarà necessario». Tagliati i tassi sui depositi a -0,50%. Invariato il tasso principale allo 0%. «La probabilità di una recessione nell'area dell'euro è bassa ma si è un po' rafforzata», spiega Draghi che poi chiarisce: «Il nostro pacchetto non permetterà ai Paesi di fare più deficit». In netto calo lo Spread, ai minimi da maggio 2018.