Manovra, Boccia: «Conte convinca i vicepremier o si dimetta»

"La stagione degli alibi è finita oggi". Così il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, nel suo intervento all'evento degli imprenditori alle Ogr di Torino rivolgendo una promessa a Di Maio, un consiglio a Salvini e un contributo a Conte. "A Di Maio voglio promettere che se ci convoca tutti e 12 non lo contaminiamo - ha spiegato - a Salvini, visto che è leader di un partito che ha tanti voti al nord, consiglio di occuparsi e di preoccuparsi dello spread. E al premier Conte voglio dire che in una manovra da 41 miliardi di cui 18 per le pensioni e il reddito cittadinanza, con 4 miliardi appena evitiamo la procedura di infrazione" dell'Unione europea. "Fossi in Conte convocherei i due vicepremier e direi loro di togliere 2 miliardi ciascuno. Se uno dei due non vuole arretrare, mi dimetterei e denuncerei all'opinione pubblica chi non vuole arretrare"