Rugby, la Haka dei piccoli napoletani

Finiranno per intimidire e impressionare gli avversari. Piccoli All Blacks crescono all’ombra del Vesuvio. Ormai il loro è un grido di guerra inconfondibile: l’Haka napoletana. Un centinaio di giovanissimi tesserati dell’Amatori Napoli Rugby ha messo in scena all’Edison Villaggio il tradizionale rito maori, declinato però in dialetto napoletano. Tra saltelli, linguacce e sorrisi, risulta davvero simpatica l’interpretazione dei baby rugbisti verdeblù, scandita da tempi ritmati e sincronia dei movimenti. Una scossa tellurica (di lieve intensità) decisamente divertente nel mondo ovale, per entusiasmare ed aggregare. Diego Scarpitti