Strage Gargano: i funerali dei due contadini

A San Marco in Lamis centinaia di persone hanno preso parte ai funerali dei fratelli Aurelio e Luigi Luciani, assassinati perché testimoni involontari dell'agguato di mercoledì in cui sono stati uccisi sulla strada provinciale tra San Severo e Apricena Mario Luciano Romito, boss della malavita del Gargano, e suo cognato Matteo De Palma. «Ci chiediamo - ha detto tra l'altro il sacerdote durante l’omelia -  perché è successo a noi. Non abbiamo risposte».