Morto Licio Gelli a Villa Wanda ad Arezzo, aveva 96 anni

Licio Gelli è morto, all'età di 96 anni, nella tarda serata di ieri nella sua abitazione, Villa Wanda, a Castiglion Fibocchi sulle colline di Arezzo. Prima del decesso era stato ricoverato all'ospedale di Arezzo da cui, dopo gli ultimi disperati tentativi di cardiologi e rianimatori, era stato dimesso. La volontà dell'ex venerabile, capo della loggia massonica segreta P2, era quella di morire nella sua dimora. Gelli soffriva di diverse patologie tra cui problemi di cuore: le sue condizioni erano da giorni precarie. Condannato per depistaggio delle indagini della strage di Bologna del 1982, è stato l'uomo dietro ai grandi misteri d'Italia, il nome dell'ex venerabile - gran maestro della loggia deviata - è legato a decine di inchieste giudiziarie e a vari lati oscuri della storia dello scorso secolo: tentato golpe Borghese, strategia della tensione (strage alla stazione di Bologna in testa), crac Sindona, caso Calvi e Moro, mafia, tangentopoli.